Tutto sulla rete wireless

In tutto il mondo la rete wireless è una delle vie di accesso a Internet più amate. Non c'è da meravigliarsi, infatti la connessione senza fili si instaura rapidamente, permette un'elevata velocità di trasmissione dei dati e praticamente tutti i dispositivi terminali dispongono di un modulo wireless, oppure possono essere ampliati con un adeguato client USB wireless.

Ma non è stato sempre così: all'inizio dell'era DSL, la connessione a Internet era resa possibile dal cavo LAN, prima dell'arrivo dell'alternativa e lussuosa connessione wireless. Inoltre, quando si parla di wireless, non si parla sempre della stessa cosa: la tecnologia si sviluppa costantemente e questo andamento è caratterizzato da standard differenti. Questo articolo riguarda dunque i singoli standard ed altri argomenti che vale la pena di conoscere sulla rete wireless.

Cosa significa WLAN?

WLAN è l'acronimo di "Wireless Local Area Network". Grazie a questa tecnologia, dispositivi terminali quali tablet, PC o smartphone possono instaurare una connessione senza fili a una rete wireless. Per poter creare una rete wireless serve un router wireless compatibile (ad esempio il FRITZ!Box 7590), che riceve il segnale DSL, via cavo o LTE in arrivo e lo invia ai rispettivi dispositivi nel campo di ricezione.

Per quant'altro, la connessione senza fili funziona come una rete via cavo: i dispositivi wireless accedono al e scambiano i dati con il router. I vantaggi sono evidenti: non ci sono più cavi fastidiosi e ci si può spostare liberamente con il cellulare o altro nel campo di ricezione, senza perdere la connessione. Inoltre i dispositivi ripristinano automaticamente la connessione alla rete wireless, quando si rientra nel campo di ricezione dopo essersi allontanati. La moderna codifica WPA2 protegge le connessioni wireless dei modelli FRITZ!Box: ogni rete wireless è protetta da un proprio codice di rete impostato in fabbrica.

Quali sono i vantaggi della wireless dual?

Poiché la WiFi è una rete wireless, i segnali radio devono essere trasmessi in una determinata rete ovvero gamma di frequenza. Lo standard che è rimasto a lungo in vigore è la rete a 2,4 GHz. Ciò significa che tutti i dispositivi wireless di una rete domestica trasmettono su questa frequenza, ma se i dispositivi hardware sono numerosi, ciò comporta non soltanto un carico eccessivo, ma anche un'eventuale interferenza reciproca tra i dispositivi. Oltre alla banda a 2,4 GHz, per la rete wireless si può utilizzare anche la banda a 5 GHz, che presenta un minor numero di disturbi.

Con l'introduzione dello standard Wireless AC nel 2013, per la prima volta si è maggiormente diffuso l'utilizzo delle reti wireless a 5 GHz, ammesso che sia disponibile un adeguato client. Wireless dual significa che il FRITZ!Box può controllare i dispositivi connessi contemporaneamente sui due canali. Quando è la tecnologia stessa del router wireless a decidere autonomamente quale banda è la migliore per quale dispositivo e dunque la cambia di volta in volta, si parla di Band Steering.

Quali sono gli standard disponibili?

Lo standard Wireless AC è già stato citato come quello più moderno. Ma ha alcuni precursori, ciascuno dei quali ha offerto nuove opzioni. Di seguito si elencano gli standard wireless più importanti:

IEEE 802.11: si tratta di uno standard che serve come base per la comunicazione in reti senza fili. Il primo standard wireless del 1997 permetteva di trasmettere dati a una velocità di 1 Mbit/s. Le lettere "IEEE" sono l'acronimo dell'ente che ha rilasciato lo standard, ovvero Institute of Electrical and Electronics Engineers. Gli standard seguenti sono sviluppi successivi dello standard IEEE 802.11.
IEEE 802.11b: il primo sviluppo successivo del periodo di passaggio al nuovo millennio è contrassegnato dalla lettera b. In teoria, con la Wireless b la velocità di trasmissione nella rete a 2,4 GHz può arrivare fino a 11 Mbit/s.
IEEE 802.11g: il successore della Wireless b è la Wireless g, e anche questa trasmette soltanto nella rete a 2,4 GHz. La velocità di trasmissione massima è aumentata a 54 Mbit/s e dal 2003 è stata disponibile come standard.
IEEE 802.11n: nel settembre 2009 è stato adottato lo standard successivo, la Wireless N. La Wireless N può interessare dispositivi operanti sia sulla rete a 2,4 GHz sia su quella a 5 GHz e trasmettere dati a una velocità fino a 600 Mbit/s.
IEEE 802.11ac: alla fine del 2013 è stata standardizzata la Wireless AC e - nella versione 2017 - rappresenta la variante di wireless più moderna e più veloce. La Wireless AC ora è standardizzata per la banda 5 GHz. La novità è però quella della velocità, che in una configurazione di dispositivi con 4 antenne attualmente arriva a 1.733 Gbit/s. Ulteriori informazioni sulla Wireless AC sono disponibili qui nella Guida.

Ma ovviamente lo sviluppo non finisce qui: uno dei prossimi standard wireless dovrebbe chiamarsi Wireless AX e permettere di accedere a nuove dimensioni di velocità. Questi standard wireless sono inoltre compatibili verso il basso, cosa che semplifica la comunicazione dei singoli dispositivi nella rete.